MOZIONE FINALE CONGRESSO REGIONALE FITeL VENETO

 

Il Congresso Regionale della FITeL Veneto riunito a Verona presso la “sala blu” di A.T.V. in Lungadige Galtarosssa n°5, il giorno27 Maggio 2017, sentita la relazione della Presidenza , che approva e ne fa propri i contenuti, con l’integrazione degli interventi e le conclusioni della Presidenza Nazionale

RIAFFERMA

Quanto evidenziato nel documento congressuale nazionale “…..l’impegno della FITeL deve essere rivolto a sviluppare programmi di lavoro che mettano il tema delle disuguaglianze al centro di tute le iniziative , lavorando in questo senso anche all’interno dell’OTIS (International Organisation of Social Tourism) organismo internazionale di cui facciamo parte….”al fine di affermare la necessità di una politica di sviluppo che superi le disparità e garantisca pari opportunità e tutele a tutti.

RIBADISCE

L’importanza del  Terzo Settore , quale strumento per le azioni di supporto che integrano e spesso sostituiscono il servizio pubblico , garantendo una forma di protezione e tutela rivolta in particolare ai soggetti e alle famiglie più deboli, auspicando che la FITeL acquisisca un sempre maggiore ruolo nel Forum del Terzo Settore anche a livello delle istituzioni del Veneto

SOTTOLINEA

La necessità di poter veder sviluppato un progetto FITeL Veneto che possa cogliere le migliori opportunità contenute nella legge di riforma del Terzo Settore e nella nuova legge sul Welfare Aziendale

AUSPICA

La possibilità di incrementare gli associati a FITeL Veneto, al fine di poter sfruttare il peso di rappresentanza nei confronti di terzi, per proficui rapporti e collaborazioni per lo sviluppo di attività sociali, culturali, ricreative, a beneficio degli associati stessi

IMPEGNA

Il nuovo gruppo Dirigente ad operare nell’ottica di

  • Richiedere un maggiore impegno delle OO.SS. in materia di gestione delle politiche del welfare e del tempo libero
  • Gestire e sviluppare la FITeL Veneto in modo sinergico con gli associati e con loro discutere le politiche più appropriate
  • Avviare un percorso di costruzione dei CRT (circoli ricreativi territoriali)alla luce delle importanti esperienze maturate in questi anni
  • Realizzare modalità di comunicazione sempre più costruttive e apertefra tutti gli associati e la FITeL Veneto, anche con l’ausilio di un sito intenet regionale
  • Rilanciare accordi e convenzioni con terzi al fine di proporre agli associati servizi che possano anche soddisfare le esigenze degli stessi
  • Valutare i riflessi e le ricadute sulle Associazioni e i CRAL delle leggi sul Terzo Settore e sul Welfare e produrre documenti informativi quando necessario
  • Continuare a programmare e realizzare momenti formazione sulle più importanti tematiche che riguardano e coinvolgono l’area dell’associazionismo
  • Promuovere e valorizzare attività per la salute, il benessere e la cultura, anche attraverso lo sport, la attività di spettacolo, il turismo e la ricreatività

 

 

Verona 27 maggio 2017                                           La Commissione Mozioni

                                                                                     Coletto E. – Zannini G.